CONDIVIDI
tunnel di Atlantide Lanzarote

Tunnel di Atlantide, il più grande tubo vulcanico sottomarino del pianeta

Il tunnel di Atlantide è il nome dato all’ultimo tratto, completamente inondato dalle acque marine, del tubo vulcanico di La Corona, di cui fanno parte il jameo de la Cueva de Los Verdes e i Jameos del Agua, famosi centri turistici dell’isola.

La lunghezza totale del tunnel è lunga circa 1600 m, con una profondità media di 30 m e una sezione media di 15-20 m ed è il più grande tubo vulcanico sottomarino del pianeta, raggiungendo gli La lava che ha dato origine alla grotta è stata emessa da una fornace laterale del vulcano Corona, ed è fluita in direzione sud-ovest. Il livello del mare, essendo più basso in quel momento, ha permesso alla colata di avanzare di circa 2 km oltre l’attuale linea di costa, su una piattaforma costiera. La colata si è poi interrotta a contatto con l’acqua. Con la fine dell’ultima glaciazione e la regressione dei ghiacci nell’Europa settentrionale il livello del mare è aumentato, inondando l’ultimo tratto della grotta.

Montaña Corona

Oltre alla sua importanza geologica, il tunnel di Atlantide fa parte della cintura anchiale di Lanzarote, uno degli ecosistemi anchiali più diversi al mondo con 36 specie endemiche.

Il tunnel di Atlantide

Tunnel di Atlantide Lanzarote

Il tratto principale del tunnel di Atlantide inizia dal Jameo Chico dei Jameos del Agua, con un lago d’ingresso di circa 10×10 m e una profondità di 9 m. Il fondo ha grandi blocchi e un importante accumulo di roccia vulcanica. L’illuminazione artificiale presente in questa parte della grotta svanisce nel giro di pochi metri, ma permette alle alghe di crescere sulle pareti dell’ingresso.

Dopo un piccolo tratto di 129 m profondo circa 10 m, si raggiunge la prima restrizione (“la Sima”), dove la sezione della grotta si restringe e scende a 25 m. In questa sezione ci sono due collegamenti con la galleria superiore, il lago Escondido, che corre in parallelo su questo tratto della cavità.

La grotta prosegue poi per circa 250 m, dove c’è una seconda restrizione in cui la profondità scende a 30 m. La grotta continua, quindi, con una sezione media di 15 m di diametro fino a raggiungere la Montaña de Jable, un accumulo di sedimenti calcarei alti circa 20 m. In questa zona, l’influenza marina nella grotta è più evidente, forse a causa del minore spessore degli strati rocciosi che separano la cavità dalle acque costiere. Qui è possibile osservare alcuni organismi sessili, così come alcune specie tipiche delle grotte marine, come l’Athanas Nitescens (gambero incappucciato) e lo Stenopus Spinosus (gambero meccanico).

Dopo la Montaña de Jable la grotta si allarga, raggiungendo in alcuni tratti fino a 25 m di altezza, e continua, con una profondità decrescente, fino all’ultimo allargamento, prima del crollo della cavità, ad 81 m di profondità.

Il lago Escondido

La parte superiore della grotta, il Lago Escondido, ha un’estensione di 390 m e comunica con il tunnel di Atlantide in tre punti, a 50, 130 e 200 m di penetrazione. La sezione di questo tratto è stretta e il fondo è coperto da croste calcaree, senza grandi blocchi di crollo. Questa sezione termina con il progressivo restringimento del tetto a cavità.

Esplorazioni del tunnel di Atlantide

La prima esplorazione risale al 1972, quando i fratelli Guerra raggiunsero i 370 m.

Nel 1983, gli speleologi della STD di Madrid esplorarono 1570 m di tunnel. I risultati della spedizione sono stati riassunti in un inventario generale della fauna del tunnel e la descrizione della prima Speleonectes Ondinae.

Nel 1986, un team di subacquei franco-belgi raggiunse i 1618 m, dove il tunnel si interrompe.

Nel 2008, un team di subacquei americani della Texas A&M University, con il supporto di biologi dell’Università di Amburgo e dell’Università di La Laguna, ha raggiunto i 1000 m di penetrazione e ha raccolto campioni che hanno portato alla descrizione di tre nuove specie, tra cui la Speleonectes Atlantida e la Meganerilla Cesari.

Nel 2011, un team di subacquei delle Canarie, organizzato dall’Università di Copenhagen e sostenuto dal Cabildo de Lanzarote, ha raggiunto un obiettivo comparabile e ha raccolto campioni che sono stati studiati da scienziati di 8 università di tutto il mondo.

Sommario
Tunnel di Atlantide, il tubo sottomarino de La Corona | Visitare Lanzarote
Nome Articolo
Tunnel di Atlantide, il tubo sottomarino de La Corona | Visitare Lanzarote
Descrizione
Il tunnel di Atlantide è il nome dato all'ultimo tratto, completamente inondato dalle acque marine, del tubo vulcanico di La Corona, di cui fanno parte il jameo de la Cueva de Los Verdes e i Jameos del Agua, famosi centri turistici dell'isola.
Editore
Visitare Lanzarote
Logo Editore
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here